Finché il caffè è caldo (Toshikazu Kawaguchi)

Un caffè dai toni rètro, intrappolato in una deliziosa sensazione di già vissuto, in un vicoletto di Tokyo. Toshikazu Kawaguchi presenta Finché il caffè è caldo come romanzo d'esordio e devo dire che è una delle migliori pubblicazioni del genere degli ultimi tempi. Come al solito mi sono decisa tardi a leggerlo, perché provo quasi una disgustosa repulsione nel momento in cui qualcosa è troppo spammato.

 

SINOSSI:

ECCO LE 5 REGOLE DA SEGUIRE:
1. Sei in una caffetteria speciale. C’è un unico tavolino e aspetta solo te.
2. Siediti e attendi che il caffè ti venga servito.
3. Tieniti pronto a rivivere un momento importante della tua vita.
4. Mentre lo fai ricordati di gustare il caffè a piccoli sorsi.
5. Non dimenticarti la regola fondamentale: non lasciare per alcuna ragione che il caffè si raffreddi.

In Giappone c’è una caffetteria speciale. È aperta da più di cento anni e, su di essa, circolano mille leggende. Si narra che dopo esserci entrati non si sia più gli stessi. Si narra che bevendo il caffè sia possibile rivivere il momento della propria vita in cui si è fatta la scelta sbagliata, si è detta l’unica parola che era meglio non pronunciare, si è lasciata andare via la persona che non bisognava perdere. Si narra che con un semplice gesto tutto possa cambiare. Ma c’è una regola da rispettare, una regola fondamentale: bisogna assolutamente finire il caffè prima che si sia raffreddato. Non tutti hanno il coraggio di entrare nella caffetteria, ma qualcuno decide di sfidare il destino e scoprire che cosa può accadere. Qualcuno si siede su una sedia con davanti una tazza fumante. Fumiko, che non è riuscita a trattenere accanto a sé il ragazzo che amava. Kotake, che insieme ai ricordi di suo marito crede di aver perso anche sé stessa. Hirai, che non è mai stata sincera fino in fondo con la sorella. Infine Kei, che cerca di raccogliere tutta la forza che ha dentro per essere una buona madre. Ognuna di loro ha un rimpianto. Ognuna di loro sente riaffiorare un ricordo doloroso. Ma tutti scoprono che il passato non è importante, perché non si può cambiare. Quello che conta è il presente che abbiamo tra le mani. Quando si può ancora decidere ogni cosa e farla nel modo giusto. La vita, come il caffè, va gustata sorso dopo sorso, cogliendone ogni attimo.

 

Pubblicato per la prima volta a marzo 2020 a colpirmi è stata lunga lista di ristampa del romanzo solo nel corso dello stesso anno. Definirlo "un caso editoriale" mi sembra persino riduttivo! Finché il caffè è caldo è stata un'esperienza drastica, ho pianto per la storia di Fusagi, per la sua malattia e l'amore profondo per la moglie; ho adorato la donna in abito bianco costantemente immersa nella lettura di un libro; l'espressione impassibile di Kazu in divisa durante le ore di lavoro. Entrare in questo romanzo è stato devastante. Se lo rifarei? Assolutamente sì! Se lo consiglio senza riserve? Certo!

Questo romanzo è stata l'espressione dei desideri più intimi delle persone. Chi non vorrebbe tornare indietro nel tempo almeno una volta? Sì, le regole che caratterizzano questa particolare caffetteria rendono il desiderio più difficile, ma è talmente umano come bisogno da affogare in quei cinque punti cardinali. Una tazza di caffè è tutto ciò che serve, un sorso e si ritorna al momento desiderato, purché si resti seduti su una certa sedia e la persona che si desidera incontrare abbia visitato il caffè. Da apprezzare anche la "serie di eventi casuali" che permettono al presente di restare esattamente com'è, a prescindere da ciò che si può fare nel passato. Un po' frustrante, come sostiene anche uno dei primi personaggi presentati, Fumiko Kiyokawa, ma allo stesso tempo, penso sia anche giusto. Cambiare il passato è una responsabilità troppo grande, anche un solo, infinitesimale gesto può sconvolgere ogni aspetto della vita. Le regole proposte da Kawaguchi mi sembrano l'espressione orientale al bisogno di prendersi le proprie responsabilità, un aspetto che per noi occidentali sembra sempre "un di più", qualcosa di opinabile. Kawaguchi ha concentrato tutto il suo viaggio in una caffetteria "senza nome", intessendo relazioni e affetti, mostrando i sentimenti di un mondo che corre e che invece avrebbe bisogno di riscoprire la capacità di assaporare ogni attimo.

Finché il caffè è caldo è stato un abbraccio e uno schiaffo, un incontro con pensieri e riflessioni necessarie, che nel movimento impiegato nel bere una tazza di caffè si imprime con prepotenza nel frenetico agglomerato di relazioni e obblighi sociali. Forse un viaggio, forse un memento. Questo dipende da chi lo legge.

La nona casa (Leigh Bardugo)

Ambienti ostili? Demoni? Creature misteriose e sette? Sì, con La nona casa siete nel posto giusto. Un tripudio di creature sovrannaturali che trascineranno Alex dai sobborghi comatosi di Los Angeles a Yale. Di Leigh Bardugo è stato il primo romanzo che ho letto - è seguita la duologia di Sei di corvi - e mi sono completamente innamorata della sua penna. Un punto che segna una grande vittoria, a mio avviso, per uno scrittore sono le descrizioni e la Bardugo non si lascia sfuggire un dettaglio. Ci sono momenti in cui trovo superflue certe descrizioni, ma da buona lettrice mi rendo conto che sarebbe improponibile evitarle. 

SINOSSI:

Galaxy "Alex" Stern è la matricola più atipica di tutta Yale. Cresciuta nei sobborghi di Los Angeles con una madre hippie, abbandona molto presto la scuola e, giovanissima, entra in un mondo fatto di fidanzati loschi e spacciatori, lavoretti senza futuro e di molto, molto peggio. A soli vent'anni, è l'unica superstite di un orribile e irrisolto omicidio multiplo. Ma è a questo punto che accade l'impensabile. Ancora costretta in un letto d'ospedale, le viene offerta una seconda possibilità: una borsa di studio a copertura totale per frequentare una delle università più prestigiose del mondo. Dov'è l'inganno? E perché proprio lei? Ancora alla ricerca di risposte, Alex arriva a New Haven con un compito ben preciso affidatole dai suoi misteriosi benefattori: monitorare le attività occulte delle società segrete che gravitano intorno a Yale. Le famose otto "tombe" senza finestre sono i luoghi dove si ritrovano ricchi e potenti, dai politici di alto rango ai grandi di Wall Street. E le loro attività occulte sono più sinistre e fuori dal comune di quanto qualunque mente, anche la più paranoica, possa immaginare. Fanno danni utilizzando la magia proibita. Resuscitano i morti. E, a volte, prendono di mira i vivi.

Leggi tutto

L'ombrello dell'Imperatore

Un romanzo d'esordio che ci spalanca nuovi orizzonti. Così l'ha definito la Longanesi e così lo riporto a voi. L'ombrello dell'imperatore di Tommaso Scotti è la visione dettagliata di un Giappone intrappolato tra tradizioni, modernità e il malcelato gusto per le proibizioni. Un Giappone schietto nei suoi silenzi, testardo negli obblighi sociali e incredibilmente affascinante persino sotto la facciata di evoluzionismo tecnologico che ne contraddistingue i modelli e gli usi.

SINOSSI:

L'ispettore Takeshi Nishida della squadra Omicidi della polizia di Tokyo ha un secondo nome che pochi conoscono, ma che dice molto di lui. All'anagrafe infatti è Takeshi James Nishida. Perché Nishida è un hāfu: un mezzo sangue, padre giapponese e madre americana. Forse per questo non riesce a essere sempre accomodante e gentile come la cultura e l'educazione giapponese vorrebbero. Forse è per il suo carattere impulsivo, per quel suo modo obliquo e disincantato di vedere le cose e le persone che lo circondano, che non ha mai fatto carriera come avrebbe meritato. O forse è perché lui non vuole fare carriera, se questo significa mettere i piedi sotto la scrivania invece di usarli per battere le strade di Tokyo, città che ama e disprezza con altrettanta visceralità – e che allo stesso modo lo ricambia. Ma Nishida è eccezionale nel suo lavoro: lo dimostra il numero di indagini che è riuscito a risolvere. Fino al caso dell'ombrello. Un uomo, ritrovato morto. L'arma del delitto? All'apparenza, un comunissimo ombrello di plastica da pochi yen, di quelli che tutti usano, tutti smarriscono e tutti riprendono da qualche parte. Ma questo ombrello ha qualcosa che lo differenzia dagli altri. Un piccolo cerchio rosso dipinto sul manico e, soprattutto, un'impronta. E Nishida si troverà di fronte a un incredibile vicolo cieco quando scoprirà a chi appartiene l'impronta digitale del possibile assassino: all'imperatore del Giappone.

Leggi tutto

Crush (Crave book #2)

È ancora bellissimo, ma adesso quella ferita è una ferita aperta. Una ferita che mi fa male.

Uscito il 6 aprile 2021, Crush è già diventato un idillio e una condanna. Secondo volume della serie firmata da Tracy Wolff, Crush si compone di nuovi misteri, di intense scene di lotta e dialoghi accattivanti.  Un'esperienza dal romanticismo brutale, totalizzante, che con lo scorrere delle pagine diventa una pugnalata e la cura a quella ferita. Ma prima di addentrarsi in quel che è stato questo romanzo per me, di seguito lascio una sinossi (ALLERTA SPOILER).

Leggi tutto

Fidanzati dell'inverno, la rivelazione di Dabos

Sempre più innamorata e conquistata da un genere che nel corso dei miei 24 anni è riuscito a farmi riflettere più di un romanzo d'attualità è il fantasy. Non c'è niente di meglio di una buona storia ambientata in un universo differente, spesso contornato da eventi, azioni, emozioni e persone che nella vita di tutti giorni assumono ruoli e nomi che tutti ben conosciamo. Direttamente o indirettamente il fantasy è una denuncia sociale inghirlandata dalla penna dell'autore. E qui arriviamo al libro che in questo periodo ha conquistato il mio cuore e che ho divorato in due giorni (che mi sono parsi un'eternità per il solo fatto di poter sfruttare le piene ore di un giorno per leggerlo). Christelle Dabos mi ha trascinata nel primo capitolo de L'Attraversaspecchi. Fidanzati dell'inverno. Se mi sono innamorata del gelido, magrissimo e spigoloso Thorn? Assolutamente sì. Ofelia e la sua sbadataggine mi hanno conquistata e ricordato me stessa? Certo. Ma prima di passare agli aspetti del libro che hanno immancabilmente affascinato il mio intelletto e la mia curiosità, mi sembra opportuno dedicare qualche battuta alla trama di questo primo lavoro di Dabos.

Leggi tutto

  • 1
  • 2

Sidebar A

Finché il caffè è caldo (Toshikazu Kawaguchi)
23/ Aprile 2021
Un caffè dai toni rètro, intrappolato in una deliziosa sensazione di già vissuto, in un vicoletto di Tokyo. Toshikazu Kawaguchi presenta Finché il caffè è caldo come romanzo d'esordio e devo dire che...
View More
Libri
La nona casa (Leigh Bardugo)
19/ Aprile 2021
Ambienti ostili? Demoni? Creature misteriose e sette? Sì, con La nona casa siete nel posto giusto. Un tripudio di creature sovrannaturali che trascineranno Alex dai sobborghi comatosi di Los Angeles a...
View More
Libri
L'ombrello dell'Imperatore
19/ Aprile 2021
Un romanzo d'esordio che ci spalanca nuovi orizzonti. Così l'ha definito la Longanesi e così lo riporto a voi. L'ombrello dell'imperatore di Tommaso Scotti è la visione dettagliata di un Giappone intr...
View More
Libri
Crush (Crave book #2)
11/ Aprile 2021
È ancora bellissimo, ma adesso quella ferita è una ferita aperta. Una ferita che mi fa male.
Uscito il 6 aprile 2021, Crush è già diventato un idillio e una condanna....
View More
Libri
Fidanzati dell'inverno, la rivelazione di Dabos
07/ Luglio 2020
Sempre più innamorata e conquistata da un genere che nel corso dei miei 24 anni è riuscito a farmi riflettere più di un romanzo d'attualità è il fantasy. Non c'è niente di meglio di una buona storia a...
View More
Libri
Da Vinci, l'uomo dietro il genio
28/ Maggio 2019
L'artista, l'uomo che dell'innovazione, della teoria e dell'ingegno ne ha fatto la sua vita. Un'esistenza dedicata all'arte, alla scienza, alla visione del mondo, una visione riservata alla sua vista...
View More
Curiosità
Capire i giovani con l’ultimo romanzo di Raimo
18/ Marzo 2019
Ho avuto il piacere di conoscere lo scrittore romano Christian Raimo, recentemente diventato Assessore alla Cultura al Terzo Municipio di Roma. La prima volta che lo incontrai, era stanco e indos...
View More
Curiosità
GOBLIN
14/ Marzo 2019
l Dokkaebi è una creatura leggendaria e del foclore coreano, del tutto diversi dai gwisin (fantasmi), questo perché non sono anime di esseri umani defunti rimasti intrappolati in q...
View More
Curiosità
Letteratura vs Giovani (parte prima)
14/ Marzo 2019
La scrittura, così come le varie forme d’arte, vive e si sprigiona in se stessa con elegante disinteresse e allo stesso tempo con un coinvolgimento e una passione tali da rendersi conto del mondo, ric...
View More
Curiosità
Lingua yaka
14/ Marzo 2019
Tra la Repubblica Centrafricana e la Repubblica del Congo, lungo i 1.120 km del fiume Ubangi (nella grafia fraconfona Oubangui), troviamo lo Yaka (o aka), una lingua bantu (un gruppo di lin...
View More
Lingua